Salix udensis 'Sekka' (= Salix sachalinensis 'Sekka')

Salix udensis 'Sekka' (= Salix sachalinensis 'Sekka')

€12.00Prezzo

Varietà di salice veramente particolare ed insolita originaria del Giappone, nota per i rami che possono sviluppare una fasciazione (appiattimento ed allargamento) molto decorativa. Il fogliame, lucido e verde brillante, diventa giallo in autunno. I rami, di colore rosso, sono particolarmente evidenti in inverno e si prestano ad essere utilizzati in composizioni floreali e per l'arte giapponese dell'Ikebana. Predilige terreni umidi e ricchi, ma può essere coltivata anche in giardino su terreno normale. Resistente al freddo e al ghiaccio (minime di -20 °C).

 

 

1 pianta in vaso 10x10x21 cm, altezza circa 80-100 cm.

  • Scheda completa

    Salix udensis 'Sekka'

    - Famiglia: Salicaceae
    - Sinonimi: Salix sachalinensis 'Sekka', Salix 'Setsuka'
    - Nome inglese: Dragon Willow
    - Nome americano: Japanese Fantail Willow
    - Origine: Giappone (cultivar)
    - Descrizione: Arbusto deciduo, vigoroso e dalla rapida crescita, dotato di giovani rami, lucenti e di colore rosso mogano, che sviluppano una fasciazione (appiattimento ed allargamento) molto decorativa e che spesso si piegano e si attorcigliano su loro stessi. A pieno sviluppo può raggiungere un'altezza di 4-6 m ma, come molti salici, può essere contenuto tramite potature, che favoriscono la produzione di rami giovani. Presenta foglie lanceolate lunghe 6-12 cm e larghe 1-2 cm, verdi sulla pagina superiore e pubescenti su quella inferiore. Il fogliame, lucido e verde brillante durante la bella stagione, vira al giallo intenso in autunno, rendendolo particolarmente attraente anche in questo periodo. 'Sekka' è un clone maschile che produce, all'inizio della primavera, numerose infiorescenze grigio-seriecee di 4,5-8 cm di lunghezza per 0,5-1 cm di diametro, dotate di vistose antere dorate. Per questo motivo è una pianta molto importante per le api e per gli altri insetti impollinatori. Indifferente alle caratteristiche del suolo, predilige terreni freschi ed umidi, ma può essere coltivato anche in giardino su terreno normale. E' una cultivar di origine giapponese, che è stata introdotta in Olanda intorno al 1950: i rami si prestano ad essere utilizzati in composizioni floreali e per l'arte dell'Ikebana. La specie selvatica Salix udensis è diffusa in Giappone (Hokkaido, Honshu, Shikoku), nelle Isole Curili e nella Russia orientale.

    - Tipologia: pianta da terreno umido/pianta da giardino
    - Profondità di impianto: 0 cm (terreno umido o normale delle rive)
    - Esposizione: pieno sole-mezzombra
    - Altezza: 4-6 metri (a pieno sviluppo)
    - Epoca di fioritura: inizio primavera
    - Colore dei fiori: argentei-gialli
    - Rusticità (resistenza al freddo): sì (USDA Z6/sopporta minime di -20 °C)
    - Punti di forza: pianta insolita, rami decorativi in inverno, fogliame colorato in autunno, infiorescenze che attirano api ed altri insetti utili, pianta per il giardino giapponese (ikebana)